Vivere Risparmiando: economizzare con lo stile eco

Risparmiare dai 700 ai 1.000 euro all’anno sulle bollette di acqua, luce e gas, tenere sotto controllo i consumi e abbattere una quota d’impatto ambientale in casa, è possibile.

E per farlo, per fortuna, non è necessaria una riqualificazione energetica: basta adottare uno stile di vita”risparmioso”.

In cosa consiste? Continua a leggere e scoprirai come ridurre i costi sui consumi.

Consigli per abitare consapevolmente: breve guida

Partiamo per prima cosa dallo spiegare la differenza tra fabbisogno e spreco: il fabbisogno è la parte necessaria di consumi per vivere, mentre lo spreco è quella di energia o risorsa superflua, che molto spesso non ci accorgiamo neanche di utilizzare. I consigli che ti spiegherò tra poco saranno utili per introdurre nei comportamenti quotidiani, altri comportamenti che ti aiuteranno a ridurre lo spreco e a prestare maggiore attenzione e consapevolezza ai temi del risparmio.

Non preoccuparti, la riduzione dei costi non si ottiene facendo sforzi sovrumani, ma adottando pochi e semplici accorgimenti quando accenderai gli elettrodomestici o la luce, utilizzerai l’acqua di casa o quando imposterai il termostato.

Come risparmiare il consumo di acqua in casa, senza sacrifici

Per l’acqua, ad esempio, si scopre che il consumo maggiore di una famiglia è rappresentato dallo sciacquone del wc (29,5%): ogni volta che si usa, si consumano 8 litri d’acqua.

Per risparmiare basta un semplice sacchetto chiamato “Sacchetto salva H2O” della capienza di 1 litro che si inserisce all’interno della cassetta di tutti gli sciacquoni. Un semplice sacchetto di plastica con all’interno acqua (che sul commercio costa pochi centesimi di euro oppure si può tranquillamente costruire in casa) che una volta inserito nella cassetta riduce la portata d’acqua di ben 1 litro.

LEGGI ANCHE:   Spedire Fax Gratis, un servizio tutto italiano permette di farlo!

Questo vuol dire che ogni volta che andremo a tirare l’acqua ne consumeremo 1 litro in meno.

In questo video puoi vedere come funziona

La vasca e la doccia incidono per il 19,6%. La seconda è preferibile perché consente di risparmiare dai 120 ai 150 litri d’acqua.

È possibile risparmiare il 50% del consumo dell’acqua in 1 solo minuto grazie ad un rompi-getto o aeratore.

Il rompi-getto è un piccolo apparecchio cilindrico, che posto all’estremità dei rubinetti riduce la quantità erogata di acqua di circa la metà (ed allo stesso tempo di energia perché la quantità d’acqua da pompare nelle condutture, sarà anch’essa ridotta del 50%).

L’acqua passando attraverso i rompi-getto riduce la pressione mischiandosi con l’aria e permette l’arresto immediato del flusso, contemporaneamente alla chiusura del rubinetto. Semplice da applicare, basta svitare la parte finale del miscelatore e sostituirla con il nuovo pezzo; ed il costo è veramente irrisorio, Uno, massimo due Euro.

La lavatrice impiega dai 60 ai 90 litri ad ogni lavaggio e impatta sul totale per il 18,5%, mentre la lavastoviglie usa dai 18 ai 30 litri ed incide sul fabbisogno energetico per il 2%.

Risparmiare energia elettrica a casa

Per l’energia elettrica, una delle classiche raccomandazioni è di imparare bene a leggere i contatori: con i dispositivi di oggi è molto semplice, basta segnare i numeri che compaiono sul display prima della virgola, arrotondando per eccesso l’ultima cifra. La cifra precisa che hai ottenuto equivale ai metri cubi di gas effettivamente consumati ed è ciò che va comunicato al proprio gestore di servizi.

Altri consigli che posso darti sono:

  • Spegnere la luce quando si esce da una stanza
  • Impostare lo scaldabagno in modo differente: in inverno la giusta temperatura non deve superare i 60 gradi; in estate ne bastano 40 gradi.
  • Scegliere di una tariffa bioraria, che consente di risparmiare il 10% dei consumi se si concentra l’uso degli elettrodomestici durante le ore serali.
LEGGI ANCHE:   Cartucce per stampante, come farle durare il doppio! Risparmia subito!

Risparmiare sul riscaldamento

Per risparmiare sul riscaldamento, la temperatura consigliata in casa deve aggirarsi tra i 18 e i 20 gradi. Temperature maggiori, fanno aumentare il consumo del 12% ogni due gradi superiori ai 20. In pratica con una temperatura interna di 24 gradi la bolletta del gas lievita di circa un quarto.

Fai attenzione, sono i piccoli dettagli e accortezze che fanno la differenza.

Conosci altri trucchi per abitare consapevolmente? Raccontali nei commenti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni