Zona bianca: cambia tutto

Zona bianca rafforzata

Si fa largo un’ipotesi particolare: la zona bianca rafforzata in tutta Italia

Visto il netto calo dei contagi, si sta facendo largo l’ipotesi di zona bianca. Ma non sarà una zona bianca come in precedenza,

infatti, secondo indiscrezioni, sarà una zona bianca ma con protocolli da zona gialla.

Le discoteche saranno aperte e via libera da subito (e non dal 15 giugno) al comparto matrimoni. Riapertura totale e anticipata, quindi, delle attività economiche: dalle piscine al chiuso, alle sale giochi fino ai parchi tematici.

È questa la proposta delle Regioni al Governo, una sintesi scaturita dopo il vertice di oggi pomeriggio e che pare aver trovato il favore dell’esecutivo e degli esperti del Cts. Si dice soddisfatto dell’intesa il ministro della Salute, Roberto Speranza:

C’è la consapevolezza che serve ancora prudenza e gradualità

Si parlava di un inasprimento delle norme anti-assembramento, ma le Regioni sostengono che restrizioni ci sono già, e non ne servono altre.

Le regole

La novità più importante, è che non ci sarà più il coprifuoco alle 24:00.

Le regole per la zona bianca sono solamente tredivieto di assembramento, obbligo di distanziamento sociale e di utilizzare la mascherina. Tutto riaperto, tranne le discoteche che invece tornerebbero operative.

verranno applicati quindi in zona bianca ‘rafforzata’ i protocolli varati dal Cts sulla riapertura delle attività economiche: dalle piscine al chiuso, alle sale gioche, ai parti tematici.

Verrebbe così anticipato il calendario previsto dal Governo nell’ultimo decreto, con il Comitato Tecnico Scientifico che ha appena rivisto le linee guida: Green Pass obbligatorio per i matrimoni, mascherine anche a tavola nei ristoranti al chiuso e niente docce in spogliatoio per palestre e piscine.

Un’altra regola sarà quella di vaccinare i “turisti” che andranno all’estero per prolungati periodi di tempo, probabilmente dalle 3 settimane in su

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni