11 regioni in zona gialla

11 Regioni hanno già i numeri per diventare ZONA GIALLA

I numeri

Nelle prossime ore, il ministro della salute Roberto Speranza annuncerà i nuovi colori, sono ben 11 le regioni che hanno i numeri per diventare zona gialla.

Quest’oggi, infatti, la cabina di regia si riunirà per esaminare il report dell’istituto superiore della sanità. Il ministro della salute Speranza esaminerà i report, ed annuncerà i nuovi colori per le regioni.

Le regioni

Come detto poc’anzi, sono 11 le regioni che hanno i numeri per diventare zona gialla, anche se, quasi sicuramente non cambieranno tutte colore. L’unica a cambiare, sarà sicuramente la Campania, che passerà da zona rossa a zona arancione, come già annunciato in precedenza dal governatore della Campania Vincenzo De Luca:

Credo che venerdì prossimo il Cts collocherà in zona arancione anche la Campania. Usciamo quindi fuori da questa cosa demenziale della zona rossa per la Campania”

Le altre Regioni dovranno rimanere ancora nelle zone in cui si trovano, con maggiori restrizioni, anche se hanno i numeri da zona gialla. Le undici regioni in cui c’è stato un rallentamento della diffusione dei contagi da Covid sono: l’Abruzzo, la Calabria, l’Emilia-Romagna, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, la Lombardia, le Marche, l’Umbria e il VenetoValle d’AostaSardegna, Puglia e le province autonome di Trento e Bolzano.

Le regioni messe peggio sono la Sicilia, che rischia fortemente di entrare in zona rossa, e la Sardegna, che vede sempre più lontana l’uscita da questo tunnel.

Tra le regioni che presentano maggiori criticità c’è anche il Piemonte, mentre la Basilicata è una sorvegliata speciale. L’unica che potrebbe ambire alla zona bianca, ma ancora un’incidenza da zona gialla, è il Molise. In ogni caso, per via del decreto del governo Draghi che ha sospeso la zona gialla, tutte queste regioni dovranno comunque attendere e rimanere in zona arancione.

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni