Forte scossa di terremoto

Intensa scossa di terremoto in centro Italia, residenti terrorizzati

In Italia continua a tremare la terra, un’intensa scossa di terremoto si è abbattuta sul centro Italia, spaventando milioni di persone.

L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha registrato due intense scosse di terremoto:

La prima di magnitudo 3.5 alle 16:06 a Massa Martana, in provincia di Perugia, con ipocentro a 8 km di profondità. Tra i comuni limitrofi, vi sono Acquasparta (TR) e Giano dell’Umbria.

La popolazione circostante ha avvertito distintamente la scossa sismica, anche se non ci hanno segnalato nessun danno a cose o persone.

In seguito, ci sono state altre scosse di magnitudo 2.8 e 2.0

Residenti spaventati

Secondo i vigili del fuoco si è avvertito “distintamente” un boato così come riferito dal personale in servizio presso il distaccamento Valnerina.

Abitanti di alcune località, come Norcia, appena sentono tremare la terra, gli riaffiorano brutti ricordi.

Il primo cittadino di Norcia, Nicola Alemanno a tal proposito ha affermato:

“Ogni volta che c’è una scossa di terremoto la paura risale dallo stomaco, ma al tempo stesso nella cittadinanza e anche nei turisti è subentrata la consapevolezza che la città è in sicurezza”.

Poi, ha continuato:

“La più forte è stata avvertita soprattutto da chi si trovava dentro i container che con il tremare della terra provocano dei rumori”,

ha raccontato Alemanno. Aggiungendo che non si sono registrati danni e che con il terremoto

“dobbiamo conviverci in queste zone”. “Da noi  non è un’eccezione, è importante che non succeda nulla a cose e persone”. “La messa in sicurezza, gli edifici recuperati e le casette Sae garantiscono la staticità delle strutture e sono di grande aiuto per affrontare questi eventi”

Noi, non possiamo che ringraziare i vigili del fuoco per lo splendido lavoro che svolgono qual volta vengono chiamati in causa.

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni