Mossa a sorpresa di Mario Draghi

Coronavirus: Gelmini: “Draghi vorrebbe allungare l’anno scolastico”

L’idea di Draghi: “allungare l’anno scolastico”

La maggior parte delle imprese e aziende sono state molto limitate dalle restrizioni anti-coronavirus, tra qualche giorno fortunatamente potranno avere un po di respiro, dopo un anno a dir poco travagliato.

Oltre alle aziende, anche la scuola ha vissuto non poche difficoltà, con la didattica a distanza e tutti i problemi correlati alla connessione internet in Italia. Il rientro sarebbe dovuto avvenire proprio la prossima settimana, ma che dopo gli ultimi sviluppi, avverrà solo al 60% nelle zone gialle e arancioni

Il premier Mario Draghi, tra l’altro aveva un piano per recuperare tutto il tempo perso, anche se poi il piano di Mario Draghi è andato a farsi friggere, la Gelmini ne ha parlato in una recente intervista.

L’intervista di Maria Stella Gelmini

Nella giornata odierna, Maria Stella Gelmini, ha tuonato contro i sindacati:

Sarebbe bastato allungare l’anno scolastico come aveva detto il premier Mario Draghi in Parlamento, invece i sindacati non hanno voluto. Per colpa loro ci dobbiamo inventare le metropolitane che volano”.

Inoltre, aggiunge: “Il trasporto pubblico è un problema con le scuole aperte, però in questi mesi non si è fatto nulla. Le gare presentate dalle regioni per acquistare mezzi in più vanno a rilento. Le scuole superiori attueranno forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica”. Ha concluso il Ministro Gelmini nell’intervista rilasciata a La Stampa.

Le regioni che sicuramente passeranno in zona gialla saranno:

Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Bolzano, Trento, Umbria e Veneto

Le altre, con ogni probabilità potrebbero rimanere in zona arancione, o addirittura potrebbero diventare zona rossa.

Nei prossimi giorni seguiremo i nuovi sviluppi

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni