Renato Zero e il vaccino

Renato Zero, subito dopo il vaccino è successo questo

Renato e il vaccino

Renato Fiacchini, meglio conosciuto come Renato Zero,  posta sui social una foto dove un’infermiere è intento a somministrargli la dose di vaccino anti Covid, e scrive:

Il paziente Zero vuole cantare per voi ancora per tanto tempo

Annuncia così Renato di aver appena fatto il vaccino, e continua scrivendo:

E che voi, possiate venire ad ascoltarmi per tanto tanto tempo ancora. Viva il vaccino. Viva la vita

Renato Zero ha da poco compiuto 70 anni, rientra quindi nelle categorie a cui è stato proposto di vaccinarsi in questa seconda fase

I messaggi sui social, e la teoria del complotto

Sui social tutti i “sorcini” sono dalla parte di Renato, “Forza Renato, saremo anche noi come te coraggiosi” e “Grande Renato, grande senso di civiltà e amore per il prossimo” scrivono i sostenitori tra molti messaggi di scettici e contrari. E non manca l’ironia: “Speriamo che il vaccino non ti trasformi in Achille Lauro, daje Rena‘” e ancora “L’AstraZeneca no, non l’avevo considerato“. 

Ma in queste ore si sta facendo largo una strampalata teoria complottista, infatti secondo alcuni, la siringa sarebbe “chiusa” , e il vaccino sarebbe una finta. Recitano alcuni commenti sui social:

“Forse non avete capito… Renato non si è vaccinato, se guardate bene si vede il tappo di plastica. Gli avranno dato una grossa somma di denaro? vacci a capire

un’altro utente scrive: “Con il tappo alla siringa lo faccio anche io… Renato facevi meglio a scriverlo senza mettere la foto! Mi è caduto un mito

Ma l’arcano è presto svelato, ciò che si vede in foto chiaramente non è un tappo.

Ogni centro vaccinale utilizza un tipo di siringa diverso, a seconda del fornitore, che non viene fornito insieme ai flaconcini contenenti il vaccino da iniettare. Ci sono stati già altri casi di teorie di complotto che sfruttano proprio queste differenze.

 

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni