Sale al terzo piano e si toglie la vita

Tragedia, sale al terzo piano e si toglie la vita

Ragazzo di 20 anni sale in cima ad un albergo abbandonato e si toglie la vita davanti agli occhi della mamma.

è salito al terzo piano di un albergo dismesso e si è gettato nel vuoto, non c’è stato nulla da fare

la tragedia

La tragedia è accaduta ad Abano Terme, in provincia di Padova. Si è tolto la vita davanti agli occhi atterriti della sua mamma.
La donna ha cercato di fermare il suo gesto, ma non c’è stato nulla da fare.
il 20 enne è salito su una piattaforma dell’albergo abbandonato, e si è lanciato nel vuoto, precipitando per oltre 10 metri. Il violento impatto non ha lasciato scampo al ragazzo.

i soccorritori non hanno potuto fare altro che costatarne il decesso
il teatro del dramma è stato L’hotel attualmente dismesso ex Hotel Centrale,  in via Jappelli. La disgrazia si è consumata in una manciata di minuti, intorno alle ore 14

Il ragazzo soffriva già da tempo di uno stato di depressione che aveva preoccupato la famiglia, ed avevano deciso di ricoverarlo in una struttura medica di Padova, il ricovero sarebbe dovuto avvenire il giorno stesso in cui il giovane si è tolto la vita

i motivi dietro al gesto

Ai carabinieri la madre ha raccontato che il ragazzo, in mattinata, ha casualmente udito la telefonata nella quale i medici confermavano alla madre la data d’ingresso del figlio

Sono giunti sul posto anche i Vigili del Fuoco, che si sono occupati di recuperare il corpo del ragazzo. Nonostante lo stato di shock la madre ha avuto la forza di rimanere a guardare i soccorritori che portavano via la salma di suo figlio, ed ha avuto il coraggio di raccontare tutta la dinamica dell’accaduto.

Recentemente il ragazzo aveva sofferto per una delusione d’amore, ed aveva iniziato a soffrire di depressione.

Dopo la decisione della famiglia di farlo ricoverare presso una struttura, non ce l’ha fatta più ed ha deciso di togliersi la vita

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni