Ultimo minuto: ci ha lasciato a soli 10 anni

Dramma a Genova: Muore bimba di 10 anni

Bambina muore di Covid

Una bambina di 10 anni è morta stamane all’ospedale Gaslini, di Genova per Coronavirus.

La bambina, è una delle vittime più giovani d’Italia. La piccola, originaria di Crema, era in terapia intensiva da oltre un mese,

era affetta da gravissima polmonite Covid e da sindrome autoinfiammatoria sistemica.

caratterizzata da vasculite ed immunodeficienza (deficit di ADA2) e per questo seguita da anni in Istituto per la sua malattia di base presso il Centro Malattie Autoinfiammatorie e Immunodeficienze.

Purtroppo, la piccola era un soggetto fragile.

Con ogni probabilità, il virus è stato contratto nell’ambiente familiare. Inizialmente è stata ricoverata presso l’ospedale di Pavia, in un secondo momento è stata trasferita al Gaslini di Genova.

Non è la prima vittima giovanissima

Purtroppo, non è la prima volta che in Italia si verificano episodi del genere.

L’ultimo, in ordine temporale, riguarda una bambina di 11 anni di Finale Emilia, Yousra Assaban, deceduta per complicazioni del Covid-19 nel reparto di rianimazione dell’ospedale Maggiore di Bologna. Anche lei era purtroppo affetta da malattie pregresse, in particolare da problemi al cuore che non le hanno permesso di vincere la sua battaglia contro il virus.

Tra i decessi registrati, segnaliamo anche quello di una giovane di 21 anni, residente a Luzzara , in provincia di Reggio Emilia.

Martina Bonaretti era stata condotta in ospedale in ospedale a Guastalla, con sintomi riconducibili al Covid-19. Le condizioni della ragazza sono peggiorate nei giorni successivi, fino al tragico epilogo, che ha asciato familiari e amici sconvolti.

Perché questo maledetto virus, non colpisce solo anziani come si pensava all’inizio, ci sono state moltissime giovani vittime che sono cadute nella lotta contro il Covid-19.

Adesso, grazie alla campagna di vaccinazione, la curva dei contagi sta scendendo, e speriamo di tornare presto alla normalità, ma senza dimenticare tutte le vittime.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni