Amedeo Goria reagisce male

Amedeo Goria perde le staffe per la gravidanza della baby fidanzata

Solo pochi giorni fa, si era parlato di una presunta gravidanza della baby fidanzata di Amedeo Goria.

Ora, arriva l’ufficialità della notizia, ed il conduttore di casa, Alfonso Signorini, ha voluto mostrare le foto del pancione ad Amedeo Goria, che attualmente è dentro la casa più spiata d’Italia.

Amedeo Goria, inizialmente, sembrava aver preso la notizia in maniera pacata, ma poi durante la notte, il giornalista sportivo si è inalberato, mostrando tutta la sua rabbia.

Vediamo nel dettaglio, cosa ha fatto scatenare la rabbia del conduttore

“Non me la sento”

Il padrone di casa Signorini, dopo aver mostrato le foto di Vera a Goria, non si immaginava di certo, che durante la notte si sarebbe scatenato il putiferio.

In nottata, Goria ha iniziato a fare i calcoli sulla gravidanza:

Quella pancia è di una donna di due/tre mesi, io non vedo Vera da circa quarantacinque giorni..

In confidenza con Jo Squillo, il giornalista sportivo ha ammesso di essere ancora fertile, ma, a 67 anni non se la sente di diventare di nuovo padre.

Addirittura, è arrivato ad affermare:

“Sono notizie che beh, possono succedere…Se sono fertile? Purtroppo sì, anche altre volte è successo, ci sono stati dei rischi. Se sono felice di essere fertile? Dovrei farmi sterilizzare. Una bella vasectomia”.

Il conduttore, si dice molto preoccupato per la figlia Guenda:

“Sono preoccupato. Immagino però Guenda, che già non vedeva benissimo Vera. E poi Maria Teresa, prima l’ho vista ma non mi ha potuto dire niente. Lei ora è un po’ fuori da tutto.”

Il conduttore, si sente spaventato dall’idea di avere un figlio con Vera Miales:

“ho 67 anni, non me la sento di essere papà – a 68 anni – di un bambino di 1 anno. Sarei un nonno. L’ho sentita il 10/11 settembre e non mi ha detto nulla. Domani chiederò di avere un confronto telefonico con lei.”

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni