Come Funziona il Reddito di Cittadinanza 2019? Info, Requisiti ISEE, Come Fare Domanda

come funziona il reddito di cittadinanza 2019

Come funziona il Reddito di Cittadinanza 2019? La misura contro la povertà adottata dal Governo Giallo-Verde è ormai legge: sapere come richiedere il contributo e quali sono i requisiti di accesso per fare domanda è fondamentale per assicurarti di rientrare tra i destinatari di questo bonus.

Per Reddito di Cittadinanza (abbreviato in RdC) intendiamo una misura progettata dal Movimento 5 Stelle che ha l’obiettivo di contrastare attivamente la povertà ed offrire un contributo economico a tutti coloro che:

  • Sono attualmente senza un reddito
  • Hanno un reddito ma è insufficiente per vivere dignitosamente
  • Non hanno un lavoro e, di conseguenza, non hanno un reddito

Questa stessa misura, seppur con modalità diverse, è stata già adottata da diversi Paesi europei, in cui prende il nome di reddito di base o reddito minimo garantito. Nel caso nazionale, invece, il reddito di cittadinanza 5 stelle è stato introdotto grazie alla legge di bilancio 2019 e vedrà la luce ad aprile 2019, secondo gli ultimi aggiornamenti.

In questa guida ti spiegheremo che cos’è il reddito di cittadinanza, come fare per ottenerlo e quali sono i requisiti per presentare domanda.

Tutto quello che devi sapere sul Reddito di Cittadinanza (RdC) 5 Stelle

Ti stai chiedendo come funziona il reddito di cittadinanza? Sei nel posto giusto: nei prossimi paragrafi di questa guida ti accompagneremo alla scoperta di questo provvedimento e ti spiegheremo, passo dopo passo, come fare domanda per ottenere il contributo. Iniziamo subito.

Che cos’è il Reddito di Cittadinanza?

Come abbiamo accennato, per Reddito di Cittadinanza 2019 (RdC) intendiamo quella misura voluta dal Movimento 5 Stelle per “garantire una vita dignitosa al cittadino”, aiutando nella ricerca di un’occupazione e nella creazione di una fonte di reddito adatta ad una vita dignitosa.

Il provvedimento è stato ufficialmente presentato nella Legge di bilancio 2019 insieme ad altre misure di cui si parla molto nelle ultime settimane, come Quota 100 e la Flat tax.

Il RdC è un aiuto volto a contrastare la povertà, destinato a tutte quelle persone che vivono al di sotto della soglia di povertà stabilità dall’ISTAT, ossia pari a 780 euro, o che sia disoccupato o inoccupato, a prescindere dall’età

Come funziona il RdC 2019?

Per capire come funziona il reddito di cittadinanza, ti spieghiamo nel dettaglio il meccanismo che regola l’erogazione di questo contributo.

Partiamo dal presupposto che, secondo le intenzioni dei suoi creatori, il reddito di cittadinanza non è una sola misura assistenziale: come si legge nei documenti ufficiali, si tratta di una misura di contrasto alla povertà, al lavoro nero e sottopagato, offrendo sostegno economico e alla ricollocazione professionale.

Infatti, oltre ad aver diritto al contributo economico mensile, il beneficiario deve sottoscrivere un accordo con il centro per l’impiego accettando di frequentare dei corsi di formazione, di partecipare a dei lavori socialmente utili e di accettare almeno una delle tre offerte di lavoro che gli verranno presentate; se anche solo uno di questi obblighi non verrà rispettato,  si perderà il diritto ad avere il sussidio.

Riassumendo, il funzionamento è molto semplice:

  • L’interessato, in possesso di determinati requisiti (che vedremo nel prossimo paragrafo), presenta la domanda per avere il reddito di cittadinanza 2019
  • Una volta presentata la domanda, questa può essere accettata o rigettata a seconda del rispetto di tutti i requisiti per il reddito di cittadinanza previsti dalla normativa
  • In caso di accettazione, il beneficiario riceverà il contributo RdC mediante un’apposita card prodotta con Poste Italiane, la “Carta RdC
  • Nel frattempo, il soggetto beneficiario del reddito dovrà impegnarsi ad ottemperare a tutti gli obblighi previsti dal patto per ottenere il contributo (ricerca attiva di lavoro, partecipazione a lavori socialmente utili, accettazione di una delle tre proposte di lavoro).

Reddito di Cittadinanza: i requisiti

Quali sono i requisiti per accedere al reddito di cittadinanza 2019?

Ebbene, secondo quanto esplicato nell’art. 2 del RdC, hanno diritto al reddito coloro che:

  • Hanno la cittadinanza italiana, oppure cittadini di uno Stato membro UE. Il contributo è riconosciuto anche agli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • Sono residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in maniera continuativa;
  • Hanno un valore ISEE inferiore a 9.360€;
  • Hanno un patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
  • Hanno un patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite si innalza di 2.000€ per ogni componente familiare successivo al primo (fino ad un massimo di 10.000€). Vi è poi un incremento di 1.000€ per ogni figlio successivo al secondo, e di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
  • Hanno un reddito familiare non superiore a 6.000€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo familiare sia in affitto

Chi NON ha diritto al Reddito di Cittadinanza?

Capire come funziona il reddito di cittadinanza significa anche conoscere quali sono le persone che NON hanno diritto al contributo. Non possono avere accesso al contributo coloro che:

  • Sono proprietari di auto o moto immatricolati nei 6 mesi precedenti alla richiesta del RdC, nonché di auto di cilindrata superiore ai 1.600 cc e moto di cilindrata superiore ai 250 cc immatricolati negli ultimi 2 anni;
  • Si sono dimessi dal lavoro nei 12 mesi antecedenti al momento della domanda (ad eccezione delle dimissioni per giusta causa);
  • Possiedono una nave o un’imbarcazione da diporto;
  • Si trovano in stato detentivo

Reddito di Cittadinanza: la durata

Se ti stai chiedendo quanto dura il reddito di cittadinanza, la risposta è che il contributo spetta al beneficiario che soddisfi tutti benefici, ma per un periodo non superiore ai 18 mesi. Tuttavia, è possibile rinnovare il contributo per altri 18 mesi; in tal caso, però, il beneficio viene comunque sospeso per un mese.

Ogni attività professionale (da dipendente o da autonomi) intrapresa da uno dei membri del nucleo familiare dovrà essere comunicata all’INPS entro 30 giorni, per non perdere il beneficio.

Tabella Importi Reddito di Cittadinanza 2019

Abbiamo detto che il reddito di cittadinanza spetta a coloro che vivono sotto la soglia di povertà, identificata con un valore di 780 euro/mese. Ma quanto spetta con il reddito di cittadinanza? Ecco la tabella degli importi massimi erogabili grazie al contributo.

REDDITO DI CITTADINANZA IMPORTI MASSIMI
1 componente 500€ + 280€ contr. affitto = 780€
2 componenti adulti 700€ + 280€ contr. affitto = 980€
2 componenti (adulto + figlio minore) 600€ + 280€ contr. affitto = 880€
3 componenti adulti 900€  + 280€ contr. affitto = 1180€
3 componenti (adulto + 2 minori) 700€ + 280€ contr. affitto = 980€
 3 componenti (2 adulti + 1 minore)  800€ + 280€ contr. affitto = 1080€
4 componenti adulti 1050€ + 280€ contr. affitto = 1330€
4 componenti (2 adulti + 2 under 14) 900€  + 280€ contr. affitto = 1180€
5 componenti (3 adulti + 2 under 14) 1050€ + 280€ contr. affitto = 1330€

Domanda per Reddito di Cittadinanza: Modulo, Patto per il Lavoro, erogazione del contributo

Come si fa domanda per il reddito di cittadinanza 2019? Ci sono tre modalità per presentare la tua domanda:

  • Modalità cartacea, presentando il modulo reddito di cittadinanza debitamente compilato in ogni sua parte presso gli uffici postali. il modulo è reperibile presso l’INPS
  • Online, direttamente dal sito ufficiale reddito di cittadinanza, cui si accede con apposite credenziali
  • Centri di assistenza fiscale (CAF)

Una volta presentata la domanda, l’INPS avrà 5 giorni per verificare l’effettiva validità e decidere se avrai o meno diritto al reddito; ti ricordiamo che non dovrai presentare documentazione aggiuntiva, perché sarà lo stesso INPS ad associare la tua domanda al tuo ISEE.

Carta RdC

Se sarai scelto tra i beneficiari del reddito di cittadinanza, avrai diritto alla Carta RdC, ossia una speciale carta erogata con Poste Italiane dove sarà presente il tuo contributo. La carta non permette prelievi in contanti superiori a 100 euro al mese e può essere utilizzata per l’acquisto di beni primari. Il beneficiario ha l’obbligo di spendere interamente il contributo nel mese corrente, in quanto non è previsto il risparmio.

Dopo aver ricevuto l’ok da parte dell’INPS, verrai contattato da Poste Italiane per il ritiro della tua carta RdC: ci sarà una sola carta per nucleo familiare e avrà un PIN per essere utilizzata.

Patto per il lavoro e l’inclusione sociale

Per poter ricevere il reddito di cittadinanza 2019, dovrai sottoscrivere il cosiddetto “Patto per il lavoro e l’inclusione sociale”. Se hai già capito come funziona il reddito di cittadinanza, infatti, saprai che prevede un piano di reinserimento del beneficiario nel mondo del lavoro.

Il patto prevede che il beneficiario del RdC assolva a questi obblighi:

  • Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro;
  • Adesione ad un percorso personalizzato di accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’inclusione sociale che prevede attività al servizio della comunità, riqualificazione professionale, completamento degli studi.

Nel centro per l’impiego dovrai accettare il Patto per il lavoro, che prevede:

  • La registrazione al Sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, dove dovrai consultare giornalmente l’apposita piattaforma per ricercare una nuova occupazione;
  • La ricerca attiva di un nuovo lavoro;
  • La partecipazione a corsi di formazione e di riqualificazione professionale;
  • Il sostegno di colloqui psico-attitudinali ed eventuali prove di selezione finalizzate all’assunzione;
  • L’accettazione di almeno una delle tre offerte di lavoro “congrue”. I beneficiari del RdC oltre 12 mesi devono accettare la prima offerta utile di lavoro congrua;
  • Disponibilità per progetti a titolarità del Comune utili alla collettività, in ambito culturale, sociale, artistico, formativo, ambientale e di tutela dei beni per almeno 8 ore settimanali.

Chi invece ha bisogno di formarsi ancora, dovrà sottoscrivere il Patto per la formazione con Enti di formazione bilaterale, Enti interprofessionali o aziende. Se sei in condizione di non lavorare, dovrai sottoscrivere il patto per l’inclusione sociale. In questi casi particolari, è bene rivolgere tutti i tuoi dubbi al centro per l’impiego.

Sanzioni: cosa succede a chi non rispetta le regole?

Le sanzioni per il reddito di cittadinanza sono molto severe, per chi non rispetta le regole. Questo perché il Governo vuole evitare ai cosiddetti “furbetti” di approfittare di una misura di reinclusione per scopi certamente molto meno nobili.

Anzitutto specifichiamo che il reddito di cittadinanza non è valido per sempre: come abbiamo detto, il diritto viene perso dopo 18 mesi, a meno che il beneficiario non faccia richiesta di rinnovo.

Ci sono anche altri casi in cui il contributo viene a decadere:

  • Se il beneficiario NON ACCETTA una delle tre offerte di lavoro congrue ricevute
  • Nel caso di rinnovo del RdC, invece, questo si perde già quando non si accetta la prima offerta di lavoro congrua.

Il regolamento per il RdC prevede anche una serie di sanzioni nel caso in cui, ad esempio, ci si rifiuta di prendere parte ad un colloquio o ad una selezione finalizzata all’assunzione. E per chi fa il furbo e ha un lavoro in nero? Le sanzioni sono molto più salate: oltre alla sospensione immediata del contributo, viene richiesta la restituzione delle somme indebitamente percepite e si rischiano da 1 a 6 anni di reclusione.

Su come funziona il reddito di cittadinanza 2019 abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che presentare domanda e seguire tutti gli aggiornamenti per diventare anche tu beneficiario di questa misura a contrasto della povertà.

SCARICA L’EBOOK DEFINITIVO PER RISPARMIARE OLTRE 3000€ L’ANNO

Inserisci nome ed email e scarica subito l'ebook

13 thoughts on “Come Funziona il Reddito di Cittadinanza 2019? Info, Requisiti ISEE, Come Fare Domanda

  • 21 Febbraio 2019 at 12:37
    Permalink

    NON SI CAPISCE BENE SE AVENDO UN RISPARMIO SUL CONTO CORRENTE MAGGIORE DI SEIMILA EURO MA INFERORE DI 9360 EURO SI PERCEPISCE O MENOIL REDDITO, INOLTRE NON CI SONO ALTTRE FORME DI RISPARMIO NE’ PROPRIETA’ MOBILIARI EIMMOBILIARI

    Reply
    • 26 Febbraio 2019 at 17:05
      Permalink

      Ciao Italo, hai dato un’occhiata alla normativa ufficiale? Sicuramente il CAF saprà chiarirti ogni dubbio

      Reply
    • 26 Febbraio 2019 at 17:11
      Permalink

      per gli esodati che hanno perso il lavoro in tarda eta, non vedo soluzione

      Reply
    • 29 Maggio 2019 at 8:35
      Permalink

      La tabella importi reddito di cittadinanza 2019 è incompleta manca un adulto e tre minori a carico

      Reply
  • 27 Febbraio 2019 at 20:23
    Permalink

    Una persona di 36 anni, che vive da sola e percepisce una pensione di invalidità pari a € 280 mensili, senza alcun altro reddito, ha diritto all’integrazione del reddito di cittadinanza? C’è qualcuno che mi dà una risposta?

    Reply
  • 1 Marzo 2019 at 14:46
    Permalink

    Devo scaricare il modulo da compilare e non so come si fa

    Reply
    • 5 Marzo 2019 at 16:50
      Permalink

      voglio solo scaricare la domanda oer avere il reddito di cittadinanza non per me ma sto
      aiutando una persona che non sa come fare. mandatemi il modulo poi andremo al caf.

      Reply
  • 7 Marzo 2019 at 22:52
    Permalink

    Percepisco 501 euro mensili da una pensione di reversibilità posso accedere al reddito di cittadinanza

    Reply
  • 9 Marzo 2019 at 10:05
    Permalink

    Ijo lavoro prendo 900 euro al mese co molie e 3 bambini minori sono in afito poso fare chiesto domanda di reddito di cittadinanza co 15 ani residente in Italia

    Reply
  • 11 Marzo 2019 at 13:07
    Permalink

    È veramente aiutano i poveri ?

    Reply
  • 26 Aprile 2019 at 10:30
    Permalink

    Sono lsu al comune non ho la busta paga prendo 593 euro al mese vivo solo in una casa popolare da 24 ora solo da 2 pago 60 euro al mesexe al sindacato dopo 2 mesi che ho fatto la domanda stamattina mi viene detto che non ho diritto a nessuna integrazione per arrivare a 780 euro ho più

    Reply
  • 6 Maggio 2019 at 9:45
    Permalink

    ho 57anni disoccupato da 5anni, l isee richiesto si intende per nucleo famigliare o per il singolo , sono sposato e mia moglie lavora per cui si supera la soglia dei 9mila annui, in conclusione posso fare richiesta per il rdc
    grazie buongiorno

    Reply
  • 27 Maggio 2019 at 10:36
    Permalink

    vorrei sapere dove devo quiedere .. la mamma si stata acolta per il rdc ma questo messe no li arrivato niente.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni