La variante Delta blocca il turismo: vacanze? No, grazie!

Dopo più di un anno in cui l‘Italia e il mondo intero si sono ritrovati a combattere contro il Coronavirus, si sperava che con l’arrivo della bella stagione si potesse tirare un sospiro di sollievo, ma così non è stato. La variante Delta sta rovinando ogni tipo di piano, lasciando le persone nello sconforto più totale.

Negli ultimi giorni infatti, numerose prenotazioni di vacanze sono state cancellate, perché si ricomincia ad avere il timore di andare in giro ed entrare a contatto con il Covid-19 e tutte le sue varianti. Molti italiani avevano deciso di andare all’estero in paesi come Grecia, Spagna, Croazia e Malta ma i programmi sono di nuovo cambiati: continuate a leggere per saperne di più.

 

 

 

 

 

Cresce la paura

Così Ivana Jelinic, presidente nazionale Fiavet (Federazione italiana associazioni imprese viaggio e turismo) ha voluto riassumere cosa sta accadendo negli ultimi tempi: “L’avviso diramato dalla Farnesina sui rischi dei viaggi all’estero ha ingenerato subito grande preoccupazione e ha provocato un forte rallentamento nelle richieste questa settimana. Tenendo conto che in questi giorni gli italiani stanno decidendo la partenza delle prossime 3-4 settimane già abbiamo visto negli ultimi giorni un crollo della domanda e le persone hanno deciso di non confermare e di aspettare. Stiamo parlando, rispetto alla settimana precedente, quindi fino a lunedì 12 luglio, già di un 50% di richieste in meno di prenotazioni sia per l’Italia che per l’estero. Questo coadiuvato da un insorgere di domande di annullamento perché qualcuno, colto dai timori, ha preferito addirittura cancellare, e si tratta di cancellazioni anche per le settimane centrali di agosto”.

 

 

 

 

 

Il dato preoccupante

Ivana Jelinic ha poi proseguito: “L’elemento che inizia a preoccupare e che desta grande preoccupazione sono proprio le cancellazioni: da un lato per via di quello che sta succedendo all’estero, dall’altro perché le ipotesi di far diventare alcune Regioni gialle e il fatto che si stia alzando l’allerta sta spaventando le persone che preferiscono rinunciare alle vacanze”.

Il suo discorso si è concluso in questo modo: “Questa si conferma essere un’estate last minute, in cui in base alla situazione si decide. Per chi non è già partito e non ha una partenza imminente nei prossimi giorni questo è il momento di decidere. Non ci sono più le prenotazioni anticipate come succedeva in passato, ci si riduce all’ultimo minuto“. Voi avete disdetto le vostre vacanze? Lasciate un commento per farcelo sapere!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni