Terribile incendio nell’ospedale

Incendio nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale 

Incendio in ospedale

C’è stato un gravissimo incendio in un’ospedale in India. Sono stati evacuati 50 pazienti, fortunatamente non sono state registrate vittime, ma solo un forte spavento da parte dei presenti.

L’incidente è accaduto a Safdarjung, nel reparto di terapia intensiva del Safdarjung Hospital a Dheli.

L’ospedale ha anche uno dei più grandi reparti di maternità di Dheli, la situazione è stata gestita nel migliore dei modi consentendo l’evacuazione di tutto il personale medico, e dei pazienti in totale sicurezza.

Le cause dell’incendio

Le possibili cause dell’incendio, stando a quanto riferito dalla portavoce del Safdarjung Hospital, l’incendio è stato causato da fluttuazioni di alta tensione, con un conseguente cortocircuito.

Va però sottolineato, che le regolari esercitazioni antincendio tenutasi nell’ospedale, con la collaborazioni dei vigili del fuoco, abbiano aiutato a gestire la situazione nel migliore dei modi

Purtroppo in India i sbalzi di tensione sono molto frequenti, solo negli ultimi mesi ci sono stati altri 2 incendi, ed in quei casi ci sono state anche delle vittime.

ricordiamo l’incendio al Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo.

Le immagini delle fiamme sono state diffuse dalla televisione locale, ma i media hanno anche chiarito che la produzione di vaccini contro Covid-19 non è stata danneggiata. Purtroppo, ha portato alla morte di 5 persone.

I canali televisivi indiani hanno mostrato un’enorme nuvola di fumo grigio sopra il sito del Serum, a Pune (ovest) dove sono attualmente prodotte milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus di Covishield, sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford.

Inoltre ricordiamo anche l’incendio all’interno di una clinica covid a Mumbai, sempre causato da uno sbalzo di tensione.

Le persone morte per l’incendio sono state dieci

RICEVI IL TUO REDDITO DI EMERGENZA – 780€ al MESE

Inserisci i dati e ricevi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni