L’incredibile cambiamento

L’incredibile cambiamento del Vip Italiano

Michele Dentice, ha postato sui social una foto della sua strabiliante trasformazione fisica.

Michele Dentice, 36 enne napoletano nuovo cavaliere di uomini e donne

Viene immediatamente notato da Tina Cipollari, Michele oggi sfoggia una forma fisica a dir poco invidiabile. Ma fino a pochi mesi fa, era irriconoscibile. Ha affermato di sfogarsi sul cibo per via di un periodo difficile della sua vita

Poi però ha deciso di rimettersi in forma, come mostra una recente foto del “prima e dopo” apparsa sul suo profilo Instagram.

Il suo passato

 

Michele Dentice nasce a Napoli il 2 Agosto del 1984 sotto il segno zodiacale del Leone.

Ha due fratelli e una sorella a cui è molto legato. È proprio lei infatti ad iscrivere Michele a Uomini e Donne, il celebre programma di Maria De Filippi per spronarlo a superare un momento buio della sua vita. Sui social, e sul piccolo schermo, Michele appare come un uomo dal fisico perfetto ma non è il classico fissato con i muscoli senza cervello. Il giovane partenopeo infatti, dopo aver conseguito la maturità, decide di approfondire le sue conoscenze e di iscriversi all’Università degli studi diNapoli “Parthenope” dove frequenta con molta passione il corso di Scienze motorie, sport e salute. Nei tre anni previsti da regolamento, Michele Dentice riesce a laurearsi con il massimo dei voti e subito dopo decide di approfondire ancora di più le sue competenze iscrivendosi al Master in psicologia dello sport presso L’università Unicusano.

Per quanto riguarda la vita privata di Michele invece, è stato sposato per circa un anno e mezzo con una donna con la quale condivide un figlio. I due oggi sono ufficialmente divorziati

Sui social si descrive come un uomo curioso che ha continuamente voglia di apprendere cose nuove. Attualmente infatti sta continuando a studiare per ottenere anche una laurea specialistica sempre nel settore dello sport e dell’alimentazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni