Alex Zanardi, parlano i medici: “ora vede e sente”

La vita di Alex Zanardi è ancora appesa a un filo.

Ma questo filo è il più resistente che si possa trovare in natura.

Alex Zanardi è pronto a risorgere, e a vivere la sua terza vita?

La domanda che si pongono tutti gli italiani è questa. Come sta?

Perché Alex Zanardi è sì un simbolo dello sport, un pilota, ma non c’è passione o fede che tenga per non amarlo.

Simbolo di perseveranza, audacia, coraggio, Alex Zanardi è il campione che meglio rappresenta lo spirito italiano.

Dopo il terribile incidente accorso il 19 giugno, ora Alex Zanardi vede e sente.

E, forse, è la notizia più bella del 2020.

Alex Zanardi come sta: ora vede e sente

Tutta Italia si chiede come sta Alex Zanardi.

E la risposta, ora, è parzialmente positiva.

Il campione ora vede e sente, risponde, alza il pollice e muove gli occhi.

A parlare ancora non ce la fa. Ma ai medici questo non preoccupa, perché l’importante è che recuperi tutto il resto.

Il cervello funziona, come sempre vispo e attento.

Gli tengono ancora il buco sulla trachea, ma come hanno fatto per la scatola cranica, i medici stanno ricostruendo il tutto pezzo dopo pezzo.

Alex Zanardi sta lottando come solo lui sa fare.

E tutta Italia battaglia insieme a lui.

Le condizioni di Alex Zanardi: ecco i prossimi passi.

Le condizioni di Alex Zanardi sono incoraggianti stando alle parole dei medici.

Il suo stato di salute fa interrogare tutti gli italiani, che si chiedono come sta.

Ovviamente, il terribile incidente che lo ha coinvolto lo scorso 19 giugno, ne ha compromesso molte funzioni vitali.

A livello neurologico, sembra che la situazione stia andando come i medici avevano previsto. A livello facciale, gli interventi d’avanguardia di chirurgia plastica potrebbero fare miracoli.

Alex Zanardi è pronto a vivere la sua terza vita.

Questo è l’incoraggiamento che sua moglie, Daniela, cerca di ripetersi come un mantra.

Tutta Italia è appesa a un filo.

Ma questo filo è il più resistente in natura

E si chiama Alex Zanardi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni