Coprifuoco Italia

Coronavirus cambia il coprifuoco

Il compromesso di Draghi

Prosegue il dibattito sul coprifuoco, dopo le riaperture, in molti esponenti di partiti politici, e comuni cittadini hanno richiesto di posticipare l’orario del coprifuoco, che potrebbe presto essere spostato alle ore 23:00, ma non in tutte le regioni.

Mario Draghi sta cercando  un compromesso tra ciò che ha richiesto la Lega, e quello che ha stabilito i ministro della salute Roberto Speranza.

La data ufficiale in cui potrebbe essere posticipato il coprifuoco alle 23:00, con ogni probabilità sarà il 17 maggio.

Il coprifuoco sarà spostato alle ore 23:00, ma solamente per le regioni che saranno in zona gialla. Discorso diverso invece per le regioni in zona arancione, per cui le regole, saranno sempre le stesse.

Mario Draghi è alla ricerca di un compromesso tra Lega e il ministro della salute Speranza, il ministro cerca restrizioni più dure, mentre la Lega ha la visione diametralmente opposta.

Voucher palestre

Per le regioni che si trovano in zona rossa e arancione, sicuramente non cambierà nulla.

Un’altro tema che è stato toccato è quello delle palestre e piscine, 

Infatti, come sappiamo, si avvicina la data di riapertura delle palestre e piscine coperte.

Il primo giugno è la data scelta dal presidente del consiglio Mario Draghi.

A partire da quella data, gli appassionati di fitness potranno tornare ad allenarsi e usufruire degli abbonamenti sottoscritti prima della chiusura di ottobre. E proprio per tutelare i consumatori, le commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno approvato un emendamento al decreto legge sostegni secondo cui i voucher rilasciati ai clienti da palestre e piscine per compensare il periodo di chiusura, dovranno essere utilizzati entro i sei mesi successivi alla fine della pandemia.

In una nota si legge che, le palestre invece di restituire i soldi potranno:
possono riconoscere agli acquirenti dei servizi sportivi, alternativamente al rimborso o alla realizzazione delle attività con modalità a distanza quando realizzabili, un voucher di valore pari al credito vantato, utilizzabile entro sei mesi dalla fine dell’emergenza nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni