Cucciolo lanciato da auto in corsa

Rabbia a Menfi, chi sa qualcosa parli

Cucciolo lanciato da un’auto in corsa

Scoppia la rabbia sul web, dopo una terribile crudeltà accaduta a Menfi, in provincia di Agrigento.

Un cucciolo di appena una settimana, è stato lanciato da un’auto in corsa.

Il modo più infame e codardo per abbandonare il migliore amico dell’uomo.

Per fortuna, un passante ha notato quella palletta di pelo sofferente in mezzo alla strada, ed ha lanciato subito l’allarme.

L’animaletto si lamentava per il troppo dolore, non ha neanche potuto vedere ciò che stava accadendo perché è così piccolo che ha ancora gli occhi chiusi.

Le condizioni attuali

Il cucciolo è stato subito portato al rifugio Oasi Ohana, dove delle persone con un grande cuore si stanno occupando di lui.

L’associazione in questione, in queste ore ha scritto un comunicato sui social:

La gente è impazzita: cucciolo lanciato da un’auto in corsa a Menfi. Fate schifo!!! Non bastava strapparlo alla madre dopo neanche una settimana!!! Non bastava lanciarlo dalla macchina!!! Non vi siete degnati neanche di fermarvi ma l’avete gettato come spazzatura!!! Lui non è un oggetto ma una vita, una vita più preziosa della vostra che l’avete abbandonato. Ha dolori e urla dal dolore, non si attacca dal veterinario.”

In queste ore, il popolo del web sta cercando di capire le condizioni di salute del cucciolo, l’associazione fa sapere tramite un comunicato:

Purtroppo il cucciolo da pomeriggio ha continue crisi convulsive. Questa anima pura ha bisogno di tutte le preghiere, laiche e religiose, possibili, perché quanto di umanamente possibile, e anche di più, lo stiamo facendo. Bastava sterilizzare quella mamma. Non sarebbe servito vederla partorire, strapparle il cucciolo e lanciarlo da un’auto in corsa. Io non sono un’esaltata, non sono un’estremista, ma TU NON MERITI DI VIVERE.”

In questo caso possiamo dire, che la cattiveria umana, non ha limite. Chi ha visto, o sa qualcosa parli, altrimenti è complice di questa barbarie


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condivisioni